• Sconto nuovo cliente

  • Agricoltura Naturale | Come coltiviamo le nostre piante?

Rabarbaro

Aro-Rab

Rheum Vaso Ø14cm

Più acquisti più risparmi

Quantità Sconto RIsparmia
3 3% Fino a 0,32 €
5 5% Fino a 0,88 €
10 10% Fino a 3,50 €
3,50 €
Quantità
Esaurito


  • CONSEGNA VELOCE 24/48H - GRATUITA OLTRE 159€ CONSEGNA VELOCE 24/48H - GRATUITA OLTRE 159€
  • IMBALLAGGI RESISTENTI ANTIDANNEGGIAMENTO IMBALLAGGI RESISTENTI ANTIDANNEGGIAMENTO
  • PAGAMENTI SU SERVER SICURO CERTIFICATO PAGAMENTI SU SERVER SICURO CERTIFICATO
  • GARANZIA OLTRE 11.000 CLIENTI SODDISFATTI GARANZIA OLTRE 11.000 CLIENTI SODDISFATTI
Descrizione

vaso.png  DIAMETRO VASO:  14cm

edibile-medicinale.png  EDIBILITA':     VALORE MEDICINALE:  

DESCRIZIONE

L'uso del rabarbaro a scopo alimentare o medicinale ha origini antichissime in alcune popolazioni asiatiche. Sembra che i Cinesi lo usassero già dal 2700 a.C. e che rientrasse fra gli alimenti tradizionali delle popolazioni mongole. L'uso alimentare fra le popolazioni occidentali, soprattutto di cultura anglosassone, risale invece ad epoche più recenti, probabilmente introdotto a seguito dell'espansione coloniale delle superpotenze europee.

L'uso alimentare si limita ai piccioli fogliari carnosi, impiegati come ingrediente principale o secondario in varie pietanze, soprattutto per la preparazione di torte dolci o salate e confetture. Le foglie possono inoltre essere utilizzate come succedaneo degli spinaci, tuttavia l'uso è categoricamente sconsigliato a causa dell'elevato tenore in acido ossalico. Le foglie si raccolgono in genere nel periodo di maggio-giugno, preferibilmente dal secondo anno di vegetazione in poi.

L'uso medicinale del rabarbaro riguarda il rizoma. Sotto questo aspetto il rabarbaro per eccellenza s'identifica nella specie Rheum palmatum, più nota con il nome comune di Rabarbaro cinese. Le stesse proprietà del rabarbaro cinese possono tuttavia essere estese a tutto il genere, anche se possono esserci differenze nel tenore in principi attivi. Il rizoma si raccoglie da piante di oltre un anno d'età, viene decorticato e suddiviso in frammenti ed essiccato. La droga si presenta sotto forma di frammenti cilindrici o discoidali, duri, di difficile frantumazione. Come prodotto erboristico classico il rabarbaro si assume tal quale in polvere, come decotto, come estratto idroalcoolico.

In campo industriale è utilizzato nel settore farmaceutico per la produzione di farmaci. Nel settore liquoristico è impiegato come ingrediente base per la produzione di amari tonico-digestivi oppure come ingrediente correttore del sapore per aperitivi e amari a base d'erbe. L'uso del rabarbaro come ingrediente secondario è dovuto soprattutto al suo aroma gradevole che contribuisce a migliorare il bouquet dei preparati.

I principi attivi principali contenuti nel rizoma sono composti antrachinonici e antranolici liberi e soprattutto in forma di derivati glucosidici, fra i quali il più importante è la reina. Fra i principi attivi secondari ci sono i tannini.

Il rizoma del rabarbaro è un regolatore delle funzioni digestive. A dosi basse stimola la secrezione gastrica e la secrezione biliare, pertanto ha proprietà aperitive, digestive, depurative del fegato. È inoltre un blando lassativo. A dosi più alte è un efficace lassativo. A dosi eccessive ha invece effetti purgativi negativi, altrimenti è consigliato come lassativo in quanto influenza la motilità del colon irritando le pareti intestinali. Studi clinici attribuiscono al rabarbaro anche una funzione antisettica nei confronti delle infezioni intestinali e, in virtù del contenuto in tannini, di decongestionante nelle irritazioni della mucosa intestinale.

La presenza dei tannini come principio attivo secondario fa sì che il rabarbaro possa essere utilizzato anche come astringente della pelle e delle mucose della cavità orale e nasale e come antibatterico.

MESSA A DIMORA

IMPORTANTE
Le piante coltivate in vaso (come quelle da noi proposte) possono essere messe a dimora in qualsiasi periodo dell'anno in quanto possiedono radici già formate ed autonome.

Trapiantare in pieno campo o vaso di dimensioni maggiori in qualsiasi periodo dell'anno.
E' suggerito l'utilizzo di un terriccio specifico per piante aromatiche.
Mantenere irrigata la pianta per le prime due settimane facendo attenzione ad evitare i ristagni d'acqua.
In seguito ridurre le bagnature anche in base alla stagionalità.

Dettagli del prodotto
Aro-Rab
Recensioni
Valutazione 
Emanuele Zani
28/07/2018

Acquistate 40 piante

Ottimo l'imballaggio le piante sono arrivate in perfetto stato.

Scrivi la tua recensione

Rabarbaro

Rabarbaro

Rheum Vaso Ø14cm

Scrivi la tua recensione

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:
69 altri prodotti della stessa categoria: